Modello di Organizzazione e Gestione e Codice Etico

L'Agenzia per lo Sviluppo Economico - Camera di Commercio ha adottato il “Modello di Organizzazione e Gestione” volto a prevenire la commissione dei reati che possono comportare la responsabilità amministrativa della Società qualora posti in essere nell'interesse/vantaggio dell’Ente stesso. L'Agenzia per lo Sviluppo Economico - Camera di Commercio ritiene che l'adozione di tale Modello, unitamente alla contemporanea emanazione del Codice Etico, costituiscano, al di là delle prescrizioni di legge, un ulteriore valido strumento affinché tutti i dipendenti dell'Agenzia per lo Sviluppo Economico - Camera di Commercio e tutti gli altri con cui l'azienda interagisce (Clienti, Fornitori, Partners ecc.) seguano, nell'espletamento delle proprie attività, comportamenti corretti e trasparenti in linea con i valori etico-sociali cui si ispira l'Agenzia per lo Sviluppo Economico - Camera di Commercio nel perseguimento del proprio oggetto sociale, e tali comunque da prevenire il rischio di commissione dei reati contemplati dal Decreto.
Il modello di organizzazione e gestione dell'Agenzia per lo Sviluppo Economico - Camera di Commercio si articola in:

  • Modello di Organizzazione e Gestione
  • Codice etico e comportamentale
  • Procedure
  • Organismo di Vigilanza


Il Modello di Organizzazione e Gestione è il documento principale del modello organizzativo di cui si è dotata l'Agenzia per lo Sviluppo Economico - Camera di Commercio, il quale riassume linee guida e caratteristiche del modello di organizzazione, gestione e controllo.

  • 2326.pdf 696KB
    Scarica qui l'estratto del Modello di Organizzazione e Gestione

Il Codice Etico è strumento di regolamentazione e di disciplina della propria attività, a cui devono ispirarsi, senza alcuna eccezione, tutto il personale dipendente e collaboratori della Società (Organi sociali e propri membri, dirigenti, dipendenti, consulenti, partner, fornitori) nei rapporti sia interni sia esterni e per la realizzazione dello scopo sociale. La creazione e diffusione dei valori, infatti, non può essere disgiunta da un effettivo rispetto dei principi fondamentali quali la correttezza professionale, l’indipendenza, la trasparenza, l’integrità personale e l’effettiva tutela della salute nell’ambiente di lavoro.