Assisi: turismo dei siti UNESCO

La promozione turistica fa leva sui siti punte di eccellenza del patrimonio culturale e ambientale

Il Segretario di Stato per il Turismo, Fabio Berardi, è intervenuto ieri ad Assisi alla cerimonia di apertura del Primo Salone Internazionale del Turismo dei Siti Unesco.   Erano presenti, Catiuscia Marini, Presidente della Regione Umbria, Eugenio Magnani, del Ministero del Turismo italiano, Claudio Ricci, Sindaco di Assisi e Presidente dell'associazione siti Unesco italiani, Leonardo Paoletti, Assessore al Turismo del Comune di Assisi e Padre Giuseppe Piemontese, Custode del Sacro Convento.  La presenza e il contributo di San Marino  alla manifestazione sono stati  apprezzati dalla platea, particolarmente numerosa e qualificata, e da tutti i relatori, che hanno ricordato gli ottimi e proficui rapporti di collaborazione esistenti con la Segreteria di Stato per il Turismo di San Marino sia a livello ministeriale che delle amministrazioni locali.  Il turismo, come ha detto Berardi, fa ormai parte di uno stile di vita che concepisce la vacanza non come semplice svago ma come occasione di conoscenza , opportunità per ampliare la propria cultura, le relazioni e i rapporti umani. Un modo per nutrire anche il proprio patrimonio emozionale.  Proprio in questi giorni – ha ricordato Berardi – i Ministri del Turismo dell'Unione Europea si confrontano a Malta sulle strategie mirate a fare dell'Europa la principale  meta del turismo  mondiale. Ma qui ad Assisi, c'è la prima concreta risposta: 256 siti Unesco nell'area mediterranea, 45 siti in Italia, a cui si aggiunge San Marino – con l'orgoglio di far parte del tesoro dell'Umanità-.Ovvero, l'eccellenza come leva della promozione turistica.  Il Segretario di Stato Fabio Berardi ha sottolineato come il Salone abbia colto nel segno: essere nella rosa delle eccellenze mondiali richiede infatti piani di marketing specifici e servizi commisurati ai valori che si vogliono diffondere, in coerenza con piani di gestione volti a tutelare e rendere tale patrimonio fruibile nel tempo per tutti.  Si tratta, ha detto il titolare del Turismo di San Marino "di far emergere il "senso” del bene, qualcosa che è prevalentemente intangibile. Soprattutto quando questo valore è un idea: l'idea della pace, della fratellanza e della tolleranza, come nel caso di Assisi, l'idea della libertà, del dialogo e della solidarietà, come nel caso di San Marino. Cose che non si possono mettere nella valigia o nello zaino, ma che si devono portare nel cuore”. Dopo la cerimonia d'apertura, il Segretario di Stato Berardi e l'Ambasciatore Edith Tamagnini hanno inaugurato insieme a tutte le autorità e ai relatori lo stand dell'Ufficio del Turismo allestito nel Palazzo Monte Frumentario, area dedicata agli espositori. Stand che già all'apertura ha registrato numerose visite, soprattutto di buyers internazionali.