Moneyval a San Marino

L'ispezione durerà fino all'11 settembre

Sul Titano è iniziata la missione degli esperti del Moneyval, l'organismo del Consiglio d'Europa che valuta le normative anti-riciclaggio e finanziamento del terrorismo. Gli ispettori sono arrivati a San Marino: l'ispezione durerà fino all'11 settembre. Il primo incontro dei tecnici di Strasburgo è avvenuto con alcuni esponenti del governo tra cui, ovviamente, il Segretario di Stato alle Finanze, Pasquale Valentini. ''L'incontro - ha chiarito Valentini – è servito loro soprattutto per capire con quale spirito stiamo vivendo questa visita del Moneyval''. Si muoveranno - hanno fatto sapere - su un canovaccio di appuntamenti prestabiliti, ma anche con visite a sorpresa, se servisse. Il team del Consiglio d'Europa sarà quindi supportato dalla Commissione tecnica di coordinamento istituzionale, un organismo definito nei dettagli dal decreto della segreteria alle Finanza il 26 luglio scorso. Nella commissione (di cui fa parte anche Nicola Veronesi, responsabile dell'Aif, l'Agenzia sammarinese per l'informazione finanziaria) ci sono i tre comandanti di Gendarmeria, Polizia Civile e Guardia di Rocca, del magistrato dirigente del tribunale sammarinese, di un giudice nominato dal consiglio giudiziario, del direttore e del vice direttore appunto dell'Aif, di due rappresentati della Banca centrale e di un rappresentante per le Segreterie di Stato delle Finanze, della Giustizia e degli Esteri. Un responso ufficiale arriverà fra sei mesi - un anno. Alla fine della settimana gli esperti invieranno le loro osservazioni al Moneyval ma una relazione finale arriverà solo dopo un'attenta analisi del materiale raccolto. ''Se nel corso dell'ispezione dovessero esserci osservazioni da parte del team Moneyval su alcune normative da approfondire o da potenziare - ha detto il Segretario delle Finanze - ma nulla da eccepire sui principi di fondo, noi potremo prendere spunto dalle osservazioni per attuare i dovuti aggiustamenti prima della stesura della relazione finale''