Nuove regole per la SMaC Card

In vigore dal 7 gennaio 2010

La Segreteria di Stato alle Finanze e al Bilancio informa che dal 7 gennaio p.v. nuove misure verranno adottate nell'utilizzo della SMaC Card. L'intento è quello di dare nuova linfa all'iniziativa, migliorando il funzionamento del circuito a un anno dall'avvio del Progetto.  Lo ha deciso il Comitato di Indirizzo, che in quest'ottica aveva a suo tempo formulato alcune proposte volte ad apportare modifiche procedurali e regolamentari al "Progetto San Marino Card”.   Fra le principali disposizioni approvate e riportate nella circolare si segnalano interventi correttivi nel settore dei prodotti petroliferi, presso i cui  distributori la SMaC Card continuerà ad essere ricaricata dell'importo di € 0,10/litro, ma lo 'sconto' accumulato sarà spendibile solamente in altri settori. L'obiettivo è quello di rendere virtuose tutte le categorie aderenti all'iniziativa, promuovendo dunque anche la loro crescita senza limitare i vantaggi della SMaC al solo risparmio nel rifornimento di carburante.  Sempre nel settore dei carburanti sono stati imposti dei limiti di transazione di 250 € mensili, ai fini della ricarica degli sconti, creando così degli argini a spese e ricariche prima illimitate negli importi.   Altro settore di intervento sarà quello dei bar, dove la SMaC non ha finora riscosso grande successo. Proprio per ovviare al suo scarso utilizzo, d'ora in avanti la SMaC potrà essere impiegata esclusivamente come borsellino elettronico, con un ritorno dello sconto che resterà comunque inalterato (4%).   Una procedura che riguarderà tutte le categorie di esercizio aderenti al circuito sarà l'eliminazione della firma per ogni spesa con importo inferiore ai 250 €, e che sostanzialmente si tradurrà in risparmio di carta, tempo e burocrazia.  D'ora in avanti, infine, la SmaC non potrà più essere utilizzata per effettuare pagamenti parziali degli acquisti; questo a garanzia di una corretta attività di controllo e monitoraggio del suo utilizzo.  A breve verrà inoltre emessa un'ulteriore circolare a integrazione e modifica delle attuali disposizioni che riguardano l'utilizzo della Card per l'acquisto di autovetture e motoveicoli.