Il FAI visita le case coloniche di San Marino

Visita anche al Museo della Civiltà Contadina

Image

 

Oggi il FAI (Fondo per l’Ambiente Italiano, delegazione Rimini - San Marino), nell’ambito delle iniziative culturali volte alla valorizzazione del patrimonio storico-ambientale italiano e della Repubblica di San Marino, promuove una visita di studio al parco di Montecchio, situato alle pendici del monte Titano, in un delle aree naturalistiche ed ambientali più suggestive e dense di significati storico-culturali della Repubblica.

La visita avrà il seguente programma:
ore 17,00 ritrovo partecipanti a Casa di Fabrica, visita guidata al Museo della Civiltà Contadina, ospiti del Consorzio Terra di San Marino; visita alla Casa di Donna Felicissima, ospiti dell’Associazione Micologica il Sottobosco; visita al Villino Bonelli, ospiti della Fondazione San Marino Cassa di Risparmio-SUMS.


Recentemente restaurata, la casa di fabrica è oggi sede del Consorzio Terra di San Marino ed ospita il museo della civiltà contadina.
La casa è parte del patrimonio storico-culturale dell’Eccellentissima Camera ed è espressione dell’incontro delle due culture  contadine, sub-appenninica e romagnola, di cui il territorio di San Marino fa parte.


La casa di Donna Felicissima, sorge sul colle di Montecchio, la tradizione vuole si tratti della dimora della matrona romana che donò al Santo Marino il Monte Titano.
E’ anch’essa una tipica casa colonica dell’area sub-appenninica.


Il villino Bonelli (restaurato per opera della Cassa di Risparmio della Repubblica) ricavato da un vecchio casolare contadino, agli inizi del XIX secolo diviene la dimora di campagna di “Monsignor Vicario Don Marino Enea Bonelli di San Marino”.
Il Bonelli è  espressione della classe colta e aristocratica sammarinese che ebbe ruoli preminenti nella  San Marino di fine settecento ed inizio ottocento.


Le case coloniche costituivano, sino agli anni ottanta dell’appena trascorso XX secolo, un patrimonio notevole per San Marino, oggi quasi completamente scomparso.


Comunicato stampa
Consorzio Terra di San Marino