Nuovo sistema NCTS e codice EORI

Impegno degli uffici sammarinesi competenti, a definire quanto prima le soluzioni

Image


  In merito alle recenti prescrizioni destinate gli operatori economici che effettuano operazioni doganali, la Segreteria di Stato alle Finanze desidera puntualizzare quanto segue.
Da circa 2 mesi la Repubblica di San Marino è entrata nel sistema NCTS – New Computerised Transit System, acronimo che definisce il sistema di transito computerizzato alle dogane europee, con l’intento di semplificare le procedure doganali attraverso l’utilizzo di un sistema elettronico unico.
Dal 1° luglio 2009 è entrata in funzione la IV e ultima fase del sistema NCTS, che prevede l’adozione di un codice alfanumerico denominato EORI – Economic Operator Registration and Identification, attribuito dallo Stato ai propri operatori economici che effettuano nel territorio della Comunità un’operazione doganale.
La codifica EORI di base non è prevista per gli operatori economici sammarinesi; pertanto l’ultima fase di attuazione del nuovo sistema di transito doganale è stata avviata su questo presupposto.
Diversamente è andata invece quando, dal 1° luglio, al verificarsi delle prime operazioni doganali da e verso paesi extra CEE con transito su dogane italiane abilitate, è emerso che per completare le formalità di dogana necessarie tale codice identificativo dovesse essere necessario anche per gli operatori sammarinesi.
Gli Uffici sammarinesi competenti, in accordo e in sinergia con le dogane italiane, stanno lavorando per arrivare a definire quanto prima delle soluzioni che possano rimediare ai ritardi e ai problemi organizzativi sorti in questi primi giorni di attuazione del Reg. CE n. 312 del 16.04.2009.
I problemi tecnici riguardano le modalità di rilascio del codice EORI; si tratta, in questo momento, di individuare le procedure più snelle e rapide per l’ottenimento dell’identificativo da parte dell’operatore economico.
La Segreteria di Stato alle Finanze sottolinea come in questo momento di emergenza gli Uffici doganali italiani, centrali e periferici, abbiano mostrato la loro massima disponibilità per cercare di individuare insieme le soluzioni più adeguate, tenuto conto della particolarità di San Marino, che è Paese terzo rispetto all’Unione Europea, ma che al contempo è in Unione doganale, come previsto dagli stessi accordi comunitari.
La Segreteria di Stato alle Finanze sta seguendo l’evolversi della situazione e non mancherà di comunicare tutti gli aggiornamenti e le informazioni utili per gli operatori economici.
Ufficio Stampa del Congresso di Stato