USC, commercianti responsabili sostengono un settore abbandonato

Al governo chiede di varare misure fiscali e strutturali da tempo invocate dalle categorie

Image
 
I dati relativi all’inflazione e alle percentuali di aumento delle tariffe e dei prodotti di consumo, diffusi recentemente anche per il nostro territorio, dimostrano quanto San Marino sia sempre più integrata in un contesto regionale e sempre meno isola felice.
  Questo deve indurre il Governo a mettere in campo urgentemente quelle misure fiscali e strutturali da tempo invocate dalle categorie e attese da operatori e consumatori.
  Gli aumenti indicati dai rilievi statistici non sono generalizzati, ma riguardano singole categorie merceologiche e limitati prodotti e sono riconducibili a precise cause esterne.
  Gli operatori sammarinesi stanno dimostrando grande senso di responsabilità continuando ad adottare politiche di contenimento dei prezzi nonostante al settore continuino a mancare nell’immediato strumenti tali da consentire una ripresa dei consumi e per il futuro quella pianificazione condivisa e coordinata che rilanci il commercio sammarinese, importante risorsa per l’economia del Paese e patrimonio della nostra comunità