Il gasolio sfonda quota 1,30 euro al litro

Nuovo record al distributore. In Italia in sette anni boom di tasse sul diesel: +23%

Image
 ROMA - Il prezzo del gasolio ha toccato un nuovo record storico, sfondando per la prima volta quota 1,30 euro al litro. A oltrepassare la soglia dell’euro e trenta centesimi sono stati i distributori della Esso, che ha portato il diesel a 1,304 euro. La compagnia ha aumentato anche il prezzo della verde, che passa a 1,381 euro al litro, non troppo distante dal prezzo del gasolio. I dati sono stati rilevati dal monitoraggio periodico del Ministero dello Sviluppo economico. Ritocchi ai listini consigliati ai gestori sono stati apportati anche da Tamoil. Tranne Esso, tutte le altre compagnie hanno fissato il prezzo a ridosso della soglia, a 1,299 euro al litro.
BOOM DELLE TASSE – Oltre alla corsa dei prezzi del petrolio, che lambisce ormai da giorni i 100 dollari al barile, a pesare sui prezzi del carburante sono anche le tasse: dal 2000 a oggi le imposte, in Italia, sono aumentate del 9% per la benzina e addirittura del 23% per il gasolio. Sono i dati forniti dal presidente dell'Associazione italiana economisti dell'energia, Edgardo Curcio, nella relazione introduttiva al convegno «La liberalizzazione delle rete carburanti» organizzato giovedì dall'Aiee insieme alla Q8. Curcio ha rimarcato inoltre che «con l'aumento del prezzo della materia prima, sta aumentando anche l'Iva, che permette allo Stato di trarre un ingiusto profitto dal prezzo dei carburanti». Prezzo che «invece di scendere, continua a salire ogni settimana, trainato da una spirale perversa fatta da aumenti dei prezzi internazionali e dell'Iva».
IL DISTRIBUTORE MENO CARO – E’ stato scovato a Collestrada, presso un centro commerciale nei dintorni di Perugia, il distributore più conveniente d'Italia. Lo ha individuato il mensile Quattroruote. Il giorno delle rilevazioni (13 novembre) è stato registrato un prezzo per il gasolio di 0,999 euro al litro (con servizio) contro, per esempio, una tariffa di 1,264 euro praticata al self-service dalla vicina area di servizio sull’autostrada A1 (Montepulciano Est). Un risparmio stimato in 15-25 centesimi di euro al litro rispetto ai prezzi più comuni è data dai responsabili delle Coop del Centro Italia, che hanno affidato in gestione esterna l'impianto: «In due mesi abbiamo venduto circa 4 milioni di litri fra gasolio e benzina, servendo oltre 112.000 vetture. Un impianto con questi volumi di erogato, inserito in un centro commerciale, realizza sinergie con tutti gli esercenti presenti». Insomma, un meccanismo di marketing noto come “prezzo civetta”: il prezzo straordinariamente basso del carburante attira clienti al distributore, molti dei quali finiranno per entrare nel centro commerciale e fare ulteriori acquisti.
da Il CorrieredellaSera.it, 22 novembre 2007