L’allarme della BCE. Mutui e petrolio, l'Europa rallenta

«Le prospettive di crescita di Eurolandia soggette a rischi verso il basso»

Image
 ROMA - La Bce ritiene che «le prospettive di crescita» di Eurolandia siano «soggette a rischi verso il basso legati principalmente a un impatto potenzialmente più ampio della rivalutazione del rischio in atto nei mercati finanziari sul clima di fiducia e sulle condizioni di finanziamento, a ulteriori rincari del petrolio e delle materie prime».
Lo scrive la banca centrale europea nell'ultimo bollettino mensile unendo questi rischi «ai timori di spinte protezionistiche e di possibili andamenti disordinati connessi con gli squilibri mondiali».
Solo presupponendo che l'economia mondiale mantenga una sostanziale tenuta e che il rallentamento degli Usa venga in pare compensato dal vigore dei mercati emergenti - sottolinea l'Eurotower - le stime per il pil nel 2008 «risulterebbero prossime a quella del prodotto potenziale».