Osservatorio Turistico: escursionismo, giugno stabile

Un giugno di luci ed ombre per il turismo sammarinese: in crescita i pernottamenti, bilancio positivo delle presenza per gli eventi, leggera frenata per le escursioni giornaliere. Week end meno affollati.

Aumentano le presenze negli alberghi della Repubblica di San Marino. Stando alle dichiarazioni del panel di albergatori che in collaborazione con il Consorzio San Marino 2000 fornisce mensilmente i dati, l’indice di occupazione camere di giugno si attesta sul 62,6%, in crescita del 2% rispetto al dato corrispondente del 2006 (60,6%).
  La performance del comparto alberghiero nella prima metà dell’anno si chiude con un aumento di 2,3 punti percentuali: +3,4% è la crescita registrata per le strutture 4 stelle, +1,8% per quelle a 3 stelle.
  La tipologia di clientela che ha soggiornato in albergo in questo primo semestre del 2007 è rappresentata per il 45% da turisti d’affari, per il 33% da ospiti legati a manifestazioni ed eventi e per il 22% da clientela con motivazioni di vacanza.
Per quanto riguarda l’escursionismo, a fronte di un bilancio complessivo stabile, l’Osservatorio registra una diminuzione del 4,6% dei visitatori di giugno.
  Occorre peraltro evidenziare come nel dato del movimento del mese di giugno non sono  stati considerati (perché non paganti la sosta), i considerevole flussi escursionistici relativi ai due grandi eventi del mese, la Notte Rosa ed in particolare il raduno motoristico Vespa World Days che da solo ha portato a san Marino oltre 6000 presenze.   Comunque il bilancio dei primi sei mesi dell’anno rimane saldamente positivo, con un aumento dei visitatori del +1,3% (+2,2% gli indipendenti, -0,1% gli intermediati) pari a circa 11.000 escursionisti in più rispetto al primo semestre del 2006.
  Nella prima metà del 2007 la quota di escursionisti stranieri è aumentata ulteriormente passando dal 27,8% al 28,4%.   Sul fronte internazionale, l’Osservatorio registra in giugno circa 21.000 escursionisti provenienti dalla Germania che, pur in calo rispetto allo stesso mese dell’anno scorso, rappresentano il 24% dell’intero movimento dall’estero.
  I visitatori russi, circa 12.000 unità, rappresentano il primo bacino turistico (in pullman) con una quota (nel primo semestre dell’anno) pari al 21,5% del traffico intermediato.
  In giugno si segnala anche una forte presenza di escursionisti statunitensi, più che raddoppiati nel giro di sei mesi.   Quanto alle provenienze dei visitatori italiani, ai flussi dalle aree di prossimità che hanno caratterizzato il movimento escursionistico nei primi mesi dell’anno, in giugno si sono sommate le massicce presenze dai bacini turistici più strutturalmente legati alla Riviera dell’Emilia Romagna: Lombardia, Veneto, Lazio e Toscana rappresentano, in giugno, circa il 48% del movimento italiano complessivo registrato sul territorio sammarinese.   Per quanto riguarda il motivo della visita a San Marino, in giugno “l’escursione dalla Riviera” costituisce la principale motivazione per il 40,3% degli italiani in pullman mentre la “tappa di un tour in Italia/Europa” lo è per il 45,9% degli stranieri.
  In leggero aumento, con l’arrivo della stagione estiva, la durata media della permanenza nella Repubblica: in crescita la quota di chi si ferma oltre le 4 ore.

Osservatorio Turistico della Repubblica di San Marino.